MENU

Confindustria digitale

APSP (Associazione prestatori servizi di pagamento) ENTRA IN CONFINDUSTRIA DIGITALE

Roma, 20/12/2019  - Con l’ingresso di Apsp in Confindustria Digitale, la rappresentanza della filiera dell’Ict si completa con uno dei settori più innovativi e dinamici, quali quello del fintech e dei pagamenti elettronici.  Un mondo in rapido cambiamento, che ha avuto impatti sconvolgenti sul sistema bancario e che vede, accanto ai soggetti tradizionali impegnati essi stessi a rinnovarsi, l’irrompere di una moltitudine di nuovi soggetti con la conseguente moltiplicazione dei servizi resi ai clienti.

Grazie all’utilizzo crescente di smartphone (che in Italia riguarda il 93% della popolazione) e all’offerta di  forme innovative di pagamento, il mercato dei pagamenti elettronici registra un incremento  medio del 10% annuo . Rispetto agli altri Paesi europei, l’Italia si colloca agli ultimi posti nella classifica Ue28, trovandosi al 23esimo posto per transazioni procapite (in media sono 65 all’anno). Tuttavia la fiducia nell’innovazione sta conquistando fasce di popolazione sempre più ampie: lo dimostra il transato dei new digital payment che nel 2018 ha registrato un boom del 56% pari a 80 mld di euro. Oltre ai dati di mercato, va considerato che la moneta elettronica è un potente fattore di evoluzione e modernizzazione della società, come strumento di alfabetizzazione digitale di cittadini e imprese, di  contrasto a fenomeni di illegalità ed evasione fiscale, di spinta all’economia della condivisione e quindi alla sostenibilità ambientale.  Non è un caso che alcune delle società più cashless d’Europa come i paesi nordici, sono anche quelle più avanzate dal punto di vista civico e di attenzione alle esigenze socioambientali.

L’ Associazione Italiana Prestatori Servizi di Pagamento, espressione di oltre 70  aziende leader di mercato, ( tra cui  Nexi, Telepass Pay, SisalPay, Carta LIS (Gruppo Lottomatica), Visa, Mastercard, Euronet, Diners, PayPal,   Postepay di Poste Italiane,  Banca 5 del gruppo Intesa Sanpaolo, Banca Sella, CheBanca!, Iccrea, Sia , TAS Group, Hera, Ingenico, Verifone, NTT Data,  Axepta Gruppo BNP Paribas,  Edenred, CSE, City Poste Payment, Iconto, Airplus,  Cedacri, Depobank, Epipoli, MyBank, Enel X, AGSM, Moneynet, Domec, Cabel, Factorcoop, Infocert, Pay Reply, Cerved Group, Crif, Ernst Young, ENEL,  Experian,  G + D,  Hipay, Moneygram, Nordiconad, Bancomat spa e molte altre) è la  prima nata e la più grande  associazione europea del settore.

Confindustria Digitale è la Federazione di rappresentanza delle imprese di Informatica e delle Telecomunicazioni in Italia. Sono soci Assotelecomunicazioni-Asstel, associazione della filiera delle imprese di Telecomunicazioni, Anitec-Assinform in rappresentanza dell’Information Technology e dell’elettronica di consumo, Aiip che riunisce gli Internet Provider, Iab Italia che rappresenta la filiera della pubblicità digitale, Abi Lab centro di Ricerca e Innovazione per la Banca promosso dall'Associazione Bancaria Italiana, Tsp-Association che riunisce i Telematics Service Providers, Abie l'Associazione Italiana che supporta l'integrazione delle tecnologie blockchain e come ultima arrivata Apsp in rappresentanza dei prestatori di servizi di pagamento elettronici.

A Confindustria Digitale fanno capo imprese per un totale di oltre 250.000 addetti che realizzano un fatturato annuo di oltre 70 miliardi di euro.

Fonte dei dati: Osservatorio Politecnico di Milano

 

  • Per informazioni
  • Anna Borioni
  • Responsabile Ufficio stampa Confindustria Digitale
  • Via Barberini 11 – 00187 Roma
  • Tel. 06 45417542 – cell. 3471409877
  • anna.borioni@confindustriadigitale.it
 

CONFINDUSTRIA DIGITALE, Via Barberini 11, 00187 Roma Tel. 06 45 41 75 41 Fax 06 45 41 75 40
CF: 97661300588  |  ©2011 All rights reserved
Email | Twitter | Linkedin
 

Esegui ricerca